Trasforma la percezione che hai del tuo corpo con un percorso Boudoir

Ti racconto il mio approccio al genere fotografico di Boudoir, ma soprattutto cosa significa fare con me un servizio di questo tipo.

Prima di tutto vorrei chiarire la mia personale visione sulla fotografia Boudoir perché spesso, quando racconto di cosa si tratta, la maggior parte delle persone pensa che fotografo donne svestite per la loro vanità. Ecco non è così e ho scritto un post al riguardo: Solo le vanitose si fanno fotografare in intimo.

Il mio approccio è focalizzato sul fornire un percorso di cambiamento profondo e non un’esperienza unica e nuova, perché reputo che quest’ultima sia solo un bel ricordo che dura poco nel tempo e non attecchisce nella parte più profonda.
Non mi basta smuovere la superficie di una persona donandogli solo un bel ricordo, voglio dare la possibilità ad ogni donna di cambiare radicalmente come si guarda allo specchio.

Ricostruendo la propria immagine di sé da dentro, per poi manifestarla esternamente

Quello che propongo non è solo un servizio fotografico, ma un percorso che facciamo assieme utilizzando alcune tecniche della fotografia terapeutica per comprendere meglio cosa non ti piace di te, da dove nasce l’immagine fisica che ti sei costruita, come possiamo intervenire per ricostruirne una nuova e più vera.

Perché l’immagine che hai di te spesso è un’immagine che ti sei costruita negli anni, basandoti sulle relazioni personali, sui complimenti ricevuti, sulle fasi importanti tra infanzia e adolescenza e sui canoni imposti dai media.

Spesso, anzi direi sempre, siamo molto critiche con noi stesse, dure, sempre pronte al giudizio su cosa non ci piace ma al contrario facciamo fatica a vedere cosa ci piace di noi.

Imparare ad amarsi e a riconoscersi è importante e utile per un benessere più profondo e duraturo. Non uso volutamente la parola “accettarsi” perché non la amo, sembra che sia necessario scendere a compromessi e invece io voglio risvegliarti una consapevolezza, che la realtà è molto diversa da quella che per anni hanno cercato di inculcarti in testa.

Pertanto non ti propongo una via facile e semplice, qualche bella immagine truccata e vestita come una diva solo per regalarti un’esperienza che dopo qualche mese o un anno sarà un bel ricordo ma che non avrà spazzato via tutti i dubbi, le incertezze e le insicurezze che ogni giorno vedi allo specchio.

Il percorso di Boudoir che farai con me sarà la strada più difficile e forse anche in salita, ma spero con tutto il cuore che ti lascerà gli strumenti, la visione e la certezza di poter lavorare sulla percezione che hai di te, per iniziare a cambiare rinascendo come una nuova farfalla.

Non prometto che con questo percorso cambierai subito, questo dipende da te e da quanto desideri il cambiamento, però posso aiutarti a porre delle basi concrete per iniziare ricostruire una nuova te.

 

Prenota il tuo servizio di Ritratto Boudoir per:

  • Avere un appuntamento di consulenza di circa un’ora per poter fare tutte le domande su cosa consiste il servizio fotografico.
  • Effettuare un’intervista per individuare le tue esigenze personali e progettare il servizio di Ritratto Boudoir su di te.
  • Ricevere una proposta personalizzata con più soluzioni così da poter scegliere quella più adatta al tuo sogno di riscoperta di te.
  • Trovare una professionista che ti possa guidare in questa esperienza unica e personale, evitando di spendere soldi con fotografi poco esperti e in foto poco soddisfacenti.
  • Intraprendere un percorso di fotografia terapeutica per consolidare il cambiamento profondo da crisalide a farfalla.

 

2018-08-09T10:24:19+00:00