Chi sono2018-09-23T17:59:30+00:00

Chi sono

Sono Sharon, una fotografa di personal branding con la passione per la fotografia terapeutica, perché fotografare per me è un mezzo per aiutare le persone a raggiungere un obiettivo.

Per questo aiuto:

  • imprenditori, professionisti e manager a tradurre il loro personal branding in immagini che sappiano raggiungere il cliente in maniera empatica, amichevole e fiduciosa.
  • la donna ha lavorare sull’immagine di sé stessa, per acquisire consapevolezza del proprio potenziale come individuo e aumentare fiducia e autostima in sé.

Come aiuto imprenditori, professionisti e manager?

Probabilmente hai già un sito, una pagina Facebook, dei clienti che ti seguono, ma ancora non hai messo nella tua comunicazione la tua immagine, il vero te. Forse per timidezza o perché nessuno ti ha raccontato che oggi il cliente vuole instaurare relazioni con persone vere e non con marchi e loghi anonimi.

Probabilmente nella tua comunicazione online e offline usi belle immagini, ma non tue, prese probabilmente da qualche archivio online.

Ti sei mai chiesto cosa comunicano di te a chi le guarda?
So che il contenuto è importante, ma le immagini lo sono allo stesso modo, perché il nostro cervello elabora le informazioni visive 60.000 volte più velocemente delle informazioni di tipo testuale.

Vuoi pertanto rischiare di perdere un’occasione di contatto e di lavoro, solo perché dopo una prima occhiata alle tue foto il tuo cliente è passata oltre?

Per questo ti aiuto a comunicare efficacemente chi è e cosa fa.

Come aiuto le donne?

Spesso in foto non ti riconosci, non ti guardi allo specchio, eviti di apparire anche nelle foto di famiglia e rifuggi qualsiasi obiettivo, non ti senti bene nel tuo corpo, hai una bassa autostima, ma dopo tutto senti che vuoi portare un cambiamento nella tua vita?

Sono i nostri pensieri a limitarci, l’immagine con con gli anni abbiamo costruito nella nostra mente, negandoci di vederci veramente, fuori da schemi preconfezionati e stereotipi.

Ciascuno di noi, a partire dall’infanzia, si costruisce un’immagine di sé, che continuamente viene rimodellata a seconda degli eventi di vita in cui ci imbattiamo. A volte quest’immagine diventa una rigida maschera che imprigiona le nostre potenzialità ed è allora necessario liberarsene.

Io non ti prometto miracoli e non sono nemmeno una psicologa, ma con quest’ultima organizzo percorsi di fotografia terapeutica per le donne che vogliono lavorare sull’immagine sé, per distruggerla e ricrearla.

2017

Progetti personali

Sono progetti che nascono dal mio desiderio di sperimentare, fare cose nuove, uscire dalla mia zona professionale per dare ossigeno alla mia parte creativa.
Reputo importante che un professionista si impegni in progetti personali che gli permettano di sperimentare costantemente e mettersi alla prova, per tenersi in allenamento, migliorare e sviluppare nuove competenze che possono tornare utili nei servizi fotografici fatti per lavoro. Spesso dalla sperimentazione nascono anche idee per foto nuove da proporre ai clienti.

I miei progetti personali

 

Cosa facevo prima di essere una fotografa?

1999 – Già nel 98 avevo visto nel web e nelle prime connessioni a 56K il futuro, così dopo gli studi di grafico pubblicitario, mi specializzo come web designer. La comunicazione mi ha sempre affascinato e mentre lavoro nelle prime agenzie web e in grossi portali online, studio marketing.
Nel frattempo sperimentavo chat, forum e i primi blog.

2007 – Lascio ben presto la parte operativa del lavoro da web designer ai colleghi più giovani e divento web project manager. Iniziando a coordinare e seguire progetti sempre più complessi per il digitale. Intanto coltivo la mia curiosità e passione per tutto ciò che è innovativo e inizio a sperimentare i primi social come Twitter e Facebook.

2011 – Passo dall’agenzie all’editoria e aggiungo alle competenze di gestione, organizzazione, problem solving, la scrittura per alcuni portali online. La fotografia non viene mai dimenticata, rimane una costante nella mia vita grazie a corsi, master, progetti personali e lavori commissionati. Ben presto mi trovo a scrivere contenuti e realizzare foto per gli stessi, diventando anche una formatrice per editor e giornalisti sull’uso dello smartphone come mezzo fotografico.

2013 – Inizio a portare aventi due attività parallele, quella come Web Project Manager e come Fotografa. Mi rendo conto che gli aspetti della comunicazione, della narrazione e della progettazione si fondono con il mio lavoro come fotografa.

2015 – Lascio definitivamente il lavoro come web project manager per dedicarmi a tempo pieno alla fotografia di branding, mettendo assieme tutte le esperienze fatte negli anni.

Oggi cosa faccio?

2016 – Scopro la fototerapia e inizio a cercare materiali libri e corsi, perché come tutte le innovazioni, scopro in questa metodologia terapeutica una tecnica per usare la fotografia come mezzo per la propria crescita personale.

2018 – Realizzo il primo percorso di fotografia terapeutica in collaborazione con una psicologa, mettendo assieme le nostre competenze per fornire un corso di riscoperta del proprio sé e di ricostruzione della propria immagine personale. Aggiungo al mio tassello formativo sulla fototerapia la masterclass con Judy Weiser.

2019 – Mi attende il corso di specializzazione e tanti nuovi progetti.