La tua Foto Profilo Professionale non può più aspettare

È forse la ricerca del lavoro, il lavoro stesso? Potremmo dire di sì. Ogni giorno controlli un’impressionante numero di annunci e offerte di lavoro sui più noti portali di career job, invii il tuo cv e speri di essere ricontattato quanto prima, almeno per un primo colloquio conoscitivo. Il più delle volte, purtroppo, questo però non accade e non riesci a capire il perché. Il tuo curriculum racchiude con cura tutta la tua formazione, le precedenti − e più attinenti − esperienze lavorative, eppure (per qualche strana ragione) non vieni ricontattato. Magari hai esperienza, ma vuoi cambiare lavoro, oppure aspiri a un ruolo professionale più prestigioso rispetto a quello che ricopri attualmente, ma non sai come muoverti e hai la sensazione di essere ignorato.

Adesso ti rivolgo una semplice domanda, un po’ a bruciapelo: ritieni che la tua immagine riesca a comunicare il giusto messaggio che vuoi dare? Cosa dice la tua foto profilo su Linkedin o Facebook, ad esempio? Potrà sembrarti una domanda strana, oppure banale, ma ti assicuro che non lo è. La foto profilo, specialmente su Linkedin, permette di presentarti agli altri e di ampliare la tua rete di contatti, di nuove relazioni. Se è quella giusta, può comunicare e trasmettere fiducia, empatia e professionalità. Al contrario, l’assenza della foto del profilo può compromettere il grado di efficacia del tuo profilo stesso, che verrà considerato incompleto e poco efficace. I numeri parlano chiaro: un profilo con foto, rispetto a uno che ne è privo, riceve fino a 9 volte in più richieste di collegamento, 36 volte in più messaggi e 21 di visualizzazioni.

Il mondo del lavoro può essere spietato, un mondo in cui si fa fatica a emergere e a fare colpo. Studi recenti hanno dimostrato che in solo 7 secondi le persone si fanno un’idea di te, basandosi spesso su un numero limitato di informazioni, come chi sei, dove abiti, cosa hai studiato… Ma vuoi sapere qual è realmente una delle principali? La tua immagine, sia offline che online. Le aziende in primis, quando cercano una nuova risorsa, fanno ampiamente uso di questa forma di recruiting, studiando i canali social, così come possono farlo i tuoi potenziali clienti. In altre parole, un buon 50% dei giochi sono presto fatti: gli altri hanno già costruito su di te la propria “immagine mentale” e utilizzeranno il resto delle informazioni che ti riguardano per completare il cerchio. Impressionante, vero? Ed è proprio per questo che dovresti impiegare la stessa attenzione che dedichi nel redigere il tuo cv, o il tuo portfolio, alla scelta della tua foto profilo. Non farlo significherebbe perdersi in un bicchiere d’acqua, rendere vano tutto il tuo impegno e il tempo dedicato, o comunque non dargli il giusto valore.