Come fotografa sapete quante volte mi sono sentita dire questa è altri frasi simili?

Le frasi più gettonate sono:

  • davanti all’obiettivo mi imbarazzo e vengo male,
  • non sono fotogenica,
  • non amo farmi fotografare e sono davvero rigida,
  • non mi piaccio mai nelle foto,
  • non mi riconosco nelle foto che mi fanno gli altri.

Il grosso problema che viviamo oggi è l’insicurezza, l’autostima e la non accettazione di noi stesse.

Ogni giorno i media che ci propinano immagini di corpi perfetti, sempre tra i 18 e 30 anni, senza cellulite, grasso e smagliature. Insomma un mondo finto che non esiste. Rendiamoci conto che quello che vediamo è reale sono in parte.

Vorrei ricordarvi lo spot della Dove

Perché anche le modelle non sono perfette, come ci insegna Charli Howard, una ragazza inglese che ha deciso di esibire al mondo il difetto fisico più odiato dalle donne: la cellulite.
E’ la modella della nuova campagna dei costumi da bagno Disegual, dove non sono stati usati ritocchi in photoshop.

— Amarsi significa avere fiducia in se stesse. —

Iniziamo a riconoscere che il mondo è ben diverso da quello che i media ci mostrano, per questo vi suggerisco di vedere il documentario Miss Representation su Netflix.

Consiglio la visione non solo a voi, ma se avete figlie e nipoti adolescenti, di vederlo assieme e commentarlo.

— Non lasciamoci influenzare da un’immagine stereotipata. —

Una frase che mi ha colpito del documentario è stata: se le donne spendessero tutta l’energia che mettono in diete, cura del corso ecc., per perseguire un modello estetico impossibile, nell’aiutare un senza tetto o una persona bisognosa, risolverebbero i problemi del mondo in pochi mesi.

Con questo non voglio dire che dobbiamo smettere di prenderci cura di noi stesse, di andare dal parrucchiere, di truccarci, di vestirci con cura. Dovremmo solo amarci e accettarci così come siamo, perseguendo la nostra bellezza naturale, valorizzando noi stesse, senza accanirci in diete impossibili che ci fanno sentire ancora di più inadeguate e mai contente.

Risparmieremmo un sacco di energia che potremmo dispensare alle persone che amiamo, alle nostre passioni, a nutrire la nostra anima con azioni verso il mondo è verso noi.

In questo modo smetteremo di sentici inadeguate e imperfette davanti ad un obiettivo, perché ci sentiremo sicure, piene di autostima e soprattutto amate.

 

— Il primo passo del cambiamento viene dentro di noi! —

Prenota il tuo servizio di Ritratto Boudoir per:

  • Avere un appuntamento di consulenza di circa un’ora per poter fare tutte le domande su cosa consiste il servizio fotografico.
  • Effettuare un’intervista per individuare le tue esigenze personali e progettare il servizio di Ritratto Boudoir su di te.
  • Ricevere una proposta personalizzata con più soluzioni così da poter scegliere quella più adatta al tuo sogno di riscoperta di te.
  • Trovare una professionista che ti possa guidare in questa esperienza unica e personale, evitando di spendere soldi con fotografi poco esperti e in foto poco soddisfacenti.
  • Intraprendere un percorso di fotografia terapeutica per consolidare il cambiamento profondo da crisalide a farfalla.